home

elenco opere

I CAPOLAVORI DI ARRIGO BOITO
a cura dell'Associazione Amici di Arrigo Boito

INDICAZIONI COREOGRAFICHE 
PER ERO E LEANDRO

(da una lettera al compositore Bottesini del 1878)

Incomincerei con una danza di carattere religioso: Ballerine vestite di bianco e di argento che si aggrupperanno armoniosamente intorno alla statua di Venere, tenendo in mano dei rami di mirto o delle rose, o degli archi d'oro con delle trecce. dopo quella specie di introduzione coreografica capoterebbe una vera azione danzante che intitolerei: "La danza dei colori", o meglio "Iride", perché con questo nome ci sarebbe un legame, un nesso tra questa coreografia e il quadro che ti ho descritto prima.

L'azzurro; il giallo; il verde; il viola; il rosso.

Con questo ordine si succederebbero i colori della nostra danza, a voler completare l'iride si potrebbe aggiungere infinite il cilestre e l'amaranto. Mi spiego: L'azzurro che viene per primo viene rappresentato da "otto ninfe, uranie" tutte vestite con veli di quel colore, sparsi di stelle. Queste ninfe notturne possono essere capitanate da Orfeo che è il Dio del sonno e da Fantasio che è il genio dei sogni. Il ballo di queste Uranie sarebbe lento, patetico.

Per secondo viene il giallo. Qui il ballo sarebbe vivacissimo. Otto ballerine vestite di giallio e con moltissimo oro, saranno guidate dal'' "Aurora e dall'Abbondanza", e qui grande sfoggio di cornucopie, di raggi, di sìghe d'oro, etc. Il verde sarebbe per terzo e sarebbe rappresentato da ninfe marine, da "Nereidi" adorne di conchiglie ed alghe.

Le condurrà la "Speranza" alata, accompagnata da piccoli amori portanti un ramo di biancospino ed un'ancora d'oro.

Dopo questa "Speranza" verde verrebbe il "dolore" accompagnato da meste figure vestite di "Viola" e la "Speranza" a quella vista fuggirebbe e seguirebbe una coreografia di pose tragiche con pugnali, con catene, etc.

Per ultimo Amore con Eufrosine (che è la personificazione della gioia) verrebbero a rendere gaio e focoso il finale del ballo; dietro ad essi molte allegre figure vestite di "rosso" menerebbero danze vivacissime portando fiaccole rosse e nappi.

Allora tutti i colori ballerebbero insieme e qui potrebbe aggiungere (senza fare per essi una entrata figurata e speciale) "l'amaranto" el il "celeste". Ogni schiera di ballerine rappresentante il loro colore avrebbe una lunga sciarpa della stessa tinta, e per finire la danza, con un quadro vario pe gli occhi, si potrebbero vedere queste sette lunghissime bende unirsi in un semicircolo e rendere l'esatta immagine dell'"Iride".

Ma perché questo ballo dei colori avesse un saporito gusto d'arte, converrebbe che tu componessi "cinque pensieri musicali" assai caratteristici, uno per ognuno dei principali cinque colori.

Questi pensieri dovrebbero avere anche la loro speciale istrumentazione.

Per esempio:

Il blu sarebbe rappresentato dagli strumenti a corda.

Il giallo dagli "ottoni" acuti.

Il verde dagli oboi, dai fogotti nel creare un ambiente patorale.

Il viola dai flauti, dai clarini, dai claroni.

Il rosso gali ottoni bassi.